Residuo Fisso Acqua – Le Sue Caratteristiche e Come Controllarlo.

Residuo Fisso Acqua - Le Sue Caratteristiche e Come Controllarlo.

L’acqua è l’elemento più importante per il sostenimento del nostro organismo, dato che il corpo umano è composto per la maggior parte d’acqua. Senza un adeguato apporto di questo prezioso liquido gli organi e i tessuti non riescono a funzionare correttamente. Lo stesso succede qualora l’acqua a cui si ha accesso contenga sostanze indesiderate o impure. Per legge però l’acqua potabile trasportata dai sistemi di tubature cittadini deve rispettare alcuni specifici parametri e indicatori relativi al suo contenuto. L’acqua può infatti contenere sostanze come: sabbie, detriti, polveri, calcare o sali minerali. Fintanto che questi elementi rimangono limitati a percentuali controllate non vi sono grosse conseguenze, ma qualora si ecceda è possibile avere danni anche consistenti sia alla propria salute che a macchinari che utilizzano l’acqua.

Acqualife Offre Assistenza per Rimedi Contro Eccessive Concentrazioni di Residuo Fisso.

Uno degli indicatori più importanti e più diffusi quando si parla di acqua è certamente il residuo fisso. Quello che viene infatti definito come residuo fisso acqua consiste nella quantità di oligoelementi e sali minerali disciolti nell’acqua. Una diversa percentuale di residuo fisso può rendere l’acqua più o meno adatta a diverse categorie di soggetti. Una minima concentrazione di residuo rende l’acqua molto utile per i neonati, essendo particolarmente digeribile e leggera, mentre, all’opposto, un’acqua con molti sali minerali e più alta concentrazione di residuo fisso, è l’ideale per sportivi, dato che essi necessitano di recuperare sostanze consumate durante le sedute di allenamento.

Residuo Fisso Acqua - Le Sue Caratteristiche e Come Controllarlo.

Per calcolare la quantità di residuo contenuta nell’acqua si procede ad un test che prevede processi di essiccamento ed evaporazione ad una temperatura di 180°. Il campione esaminato, che solitamente si aggira intorno ad un litro, viene precedentemente filtrato e depurato, porta infine ad un risultato espresso in milligrammi. Il D.lgs 31 del 2011 permette che il residuo fisso consentito per legge sia sotto il limite di 1500 mg/L. E’ importante quindi conoscere la quantità di residuo fisso della propria acqua e per farlo è utile rivolgersi ad aziende qualificate come Acqualife, una realtà importante del mercato attiva ormai da tempo.

I Depuratori ad Osmosi Inversa sono Prodotti di Qualità che Sfruttano Tecnologie all’Avanguardia.

Visitando il sito di Acqualife potrete trovare infatti un catalogo colmo di interessanti opzioni per depuratori addolcitori utili per poter migliorare la qualità della propria acqua. Troverete soluzioni adatte sia per abitazioni private che per aziende o attività commerciali di grande livello. Per ottenere maggiori informazioni o fare domande specifiche vi sarà sufficiente contattare gli operatori utilizzando gli appositi recapiti telefonici oppure sfruttando la comoda finestra di dialogo presente sul sito. Sempre sulla piattaforma online troverete molti articoli interessanti in merito all’acqua, alle sue qualità e alle più recenti tecnologie nel campo della depurazione e della qualità.

Tra le soluzioni migliori per il controllo del residuo fisso vi sono certamente i depuratori a osmosi inversa, che offrono una purezza elevata dell’acqua tramite sistemi tecnologici all’avanguardia. Rivolgendovi a Acqualife potrete anche richiedere un test dell’acqua personalizzato grazie al quale scoprirete la qualità dell’acqua del vostro rubinetto, così da capire poi come procedere al meglio.

Foto Acqualife

Be the first to comment on "Residuo Fisso Acqua – Le Sue Caratteristiche e Come Controllarlo."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*