Scontri nella terza puntata di Nonna Super Chef

nonna super chef alessandro di pietro

Nel cooking lab dell’azienda “Pentole Agnelli” si è svolta anche la terza puntata di Nonna Super Chef. Le nonne hanno dovuto creare un piatto nuovo basato su un hamburger gourmet Montana, quindi un piatto creativo e fantasioso, ma legato alle loro tradizioni, alle origini della loro terra di provenienza, ogni hamburger deve simboleggiare una diversa regione d’Italia.

Nonna Super Chef

Cosa è successo nella terza puntata?

nonna super chef alessandro di pietro

L’Hamburger Montana è stato messo a disposizione dall’azienda Montana, sempre presente nella giuria di “simpatia”. A rappresentare l’azienda Montana, in questa puntata, c’era il capo ufficio stampa del gruppo Cremonini Luca Macario, e Roberto Stanco responsabile marketing per il gruppo Carrefour Italia. Mentre fin dalla prima puntata, per le Pentole Agnelli presenzia Angelo Agnelli, Carmelo Loiacono in rappresentanza dell’azienda “Macinazione Lendinara”, Paolo Teti patron di “Miss Nonna” e Michele Tupini di “Redoro Olio Veneto”.

Protagonista della puntata è stata nonna Paola che si è più volte “azzuffata” con lo chef Gritti. La signora molta sicura di sé risponde in modo saccente allo chef che le ha chiesto: “Sai cos’è tagliare in punta di coltello la carne?” Nonna Paola risponde in modo un po’ saccente e aggiunge “sono la regina di casa in cucina”. Gritti ricorda che la concorrente non fa più la concorrente ma la professoressa. Ma la questione non finisce qui, al momento che nonna Paola sta per mettere l’hamburger sul fuoco lo chef Gritti la tiene sott’occhio e lei non resiste più e lo invita ad andare a controllare le altre concorrenti.

Alla nonna del Veneto viene ricordato che questa volta nessun jolly potrà salvarla da una probabile eliminazione e che il suo piatto dovrà parlare da sé e far valere la sua competenza! Il Veneto a differenza di altre, quando chef Cannistraro le offre dei consigli su come cucinare l’hamburger, li accetta molto umilmente.

Mentre nonna Alice non accetta per nessun motivo i consigli del maestro Cannistraro che le ricorda di tagliare per bene il pane dell’hamburger, possibilmente dritto, ma lei si rifiuta proprio di utilizzarlo in quanto dice di non utilizzare il pane con l’hamburger nella sua quotidianità.

Una puntata ricca di scontri e di nonne che si sentono abbastanza competenti da non aver bisogno di consigli da altri chef, anzi da chef con un’esperienza diversa dalla loro sicuramente più performante e più professionale. E comunque tutti abbiamo da imparare dagli altri evidentemente questo non vale per le nonne! Scherzi a parte queste nonne sono davvero competitive e per niente permissive sul loro operato. Vi ricordano un po’ le vostre nonne vero?

Allo scadere del tempo Di Pietro ci mostra l’impiantamento dei vari hamburger “regionalizzati” alcuni dei quali davvero pittoreschi come quello della Sicilia che ha in aggiunta degli ombrellini e un piccolo carretto siciliano, davvero particolare come piatto!

A passare alla fase successiva sono: la Puglia, la Sicilia, la Lombardia e la Toscana. Escluse, quindi, Sicilia e Veneto. Attendiamo con ansia la prossima puntata alle 21.00 sul canale 65 del digitale terrestre!

Be the first to comment on "Scontri nella terza puntata di Nonna Super Chef"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*